Vai al contenuto
San Valentino al Museo. Una serata speciale a lume di lanterna. Scopri di più
Scopri il Museo con le visite guidate ogni fine settimana. Info e orari
Laboratori creativi per vivere il Museo con tutta la famiglia. Divertiti con noi.
Aperto oggi 09:30-19:00
Caricamento Eventi

Incontro con l'autrice

Presentazione nuova pubblicazione
-
Il «Tiziano inglese». Thomas Lawrence e l’Italia

+ Add to Google Calendar

Il «Tiziano inglese». Thomas Lawrence e l’Italia
Sabato 4 febbraio alle ore 16:00 presso il Museo Gypsotheca Antonio Canova di Possagno

Intervengono
Moira Mascotto, Direttore Museo Gypsotheca Antonio Canova di Possagno
Ilaria Miarelli Mariani, Autrice

Il volume indaga i legami di Sir Thomas Lawrence (1769-1830), l’acclamato ritrattista di Giorgio IV e dell’aristocrazia inglese, membro e poi presidente della Royal Academy dal 1820 fino alla morte, con la cultura pittorica italiana. Inviato a Roma nel maggio del 1819 dall’allora reggente Giorgio di Hannover per eseguire i ritratti a figura intera di PioVII Chiaramonti e del suo segretario di stato Ercole Consalvi, il pittore rimane incantato dalla città, ancora considerata la capitale delle arti, e vi si ferma per sette mesi entrando in contatto con le figure di maggior spicco. Frequenta regolarmente gli artisti, soprattutto Canova e Camuccini, è accolto nei circoli culturali, primo tra tutti quello della duchessa di Devonshire, ed è in contatto diretto con la nobiltà internazionale. Ma il legame con la cultura artistica italiana ha inizio molto prima del viaggio in Italia, attraverso le letture, lo studio delle opere conservate nelle collezioni inglesi e quello delle stampe di traduzione.
Un amore che si esplica anche nella straordinaria e immensa collezione di disegni di artisti italiani, in particolare di Raffaello e Michelangelo da lui formata tra il secondo e il terzo decennio dell’Ottocento, qui analizzata da Pier Ludovico Puddu. Il viaggio in Italia, poco frequentato nella bibliografia sull’artista, costituisce dunque un momento di cruciale importanza per Lawrence, non solo come artista, ma anche come collezionista nonché rappresenta un momento significativo per l’affermazione internazionale dell’arte inglese, solitamente poco nota e piuttosto sottostimata sul “continente”.

Ilaria Miarelli Mariani è professoressa ordinaria di “Storia della critica d’arte” e “Museologia e storia del collezionismo” presso l’Università degli studi di Chieti-Pescara “G. d’Annunzio” dal 2020. Si è occupata di storiografia artistica, collezionismo, stampe di traduzione, storia del gusto, lettere d’artista, fortuna degli artisti rinascimentali, in particolare tra XVIII e XIX secolo. Ha pubblicato due monografie sullo storico dell’arte francese residente a Roma Jean-Baptiste Seroux d’Agincourt nel 2005 e nel 2006 (una delle quali completa la riedizione anastatica della monumentale opera Histoire de l’Art par les monumens, 1823 pubblicata per i tipi di Aragno editore nell’ambito della collana del Collége de France “Europa Restituta”), ha co-curato i due volumi sulla chiesa romana di Santa Maria del Popolo (Edizioni del Poligrafico e Zecca dello Stato, 2009), Iconologie. Studi in onore di Claudia Cieri Via (Campisano editore 2016), Seroux d’Agincourt e la documentazione grafica del Medioevo. I disegni della Biblioteca Apostolica Vaticana (collana studi e testi, Tipografia del Vaticano 2017), La storia dell’arte illustrata e la stampa di traduzione tra XVIII e XIX secolo (Campisano editore 2021), Lettere d’artista. Per una storia transnazionale dell’arte (XVIII-XIX secolo) (Silvana editoriale 2021). Ha scritto più di 100 saggi e articoli in riviste di fascia A e scientifiche. A fine 2022 ha vinto la selezione per la posizione di “Direttore della Direzione Musei Civici della Sovrintendenza di Roma Capitale” per una durata di tre anni (data di presa servizio marzo 2023).

Informazioni

● Durata
60 minuti

● Orari
Inizio della presentazione alle ore 16:00

● Tariffa
Gratuito

● Contatti
+39 0423 544 323 / posta@museocanova.it