Skip to content
Kind visitors are informed that until October 16, the Birthplace of Antonio Canova is undergoing restoration work. For this reason, some rooms of the house may not be visitable at the moment. We apologize for the inconvenience.
Today open 09:30-18:00

Antonio Canova
Ercole e Lica

1795-1796
Gesso

Collocazione
Gypsotheca, Ala ottocentesca

È la prima delle statue colossali tra quelle eseguite da Antonio Canova. Fu commissionata nel 1795 dal principe aragonese Onorato Gaetani che però dovette ben presto rinunciare all’opera per le sue avverse fortune politiche. I francesi, quando occuparono Roma nel 1798, trovarono già questo modello in gesso nello studio dell’artsita,assente perché a Possagno, e lo interpretarono come una esaltazione della Rivoluzione francese (Ercole) capace di scacciare la monarchia (Lica). Canova propose all’imperatore d’Austria, Francesco II, l’acquisto dell’opera in marmo per celebrare la vittoria delle truppe imperiali a Magnano nel 1799; ma Francesco II rifiutò la proposta. Fu allora che il finanziere Giovanni Torlonia di Roma decise di acquistare l’opera finita per 18.000 scudi: un prezzo incredibile per l’epoca. Il gruppo fu molto apprezzato alla presentazione, nel 1815, e collocato a Palazzo Tornlonia. Oggi il marmo è custodito nella Galleria Nazionale di Arte moderna di Roma. L’opera è fortemente esprissiva: il volto disperato dell’ingenuo Lica dalla cui bocca sembra diffondersi l’urlo di dolore; la mano aggressiva di Ercole che afferra i capelli del giovane traduce la forsennata aggressività e la ferocia dell’eroe; tutti i muscoli sono definiti nella più viva tensione. La veste aderentissima che cinge il busto di Ercole è appena accenata sul modello in gesso. Drammatico e potente è il contrasto tra il corpo colossale dell’eroe e l’esilità del giovane mortale.

● Numero inventario
87

● Dimensione
335 x 220 x 130 cm

● Proprietà
Gallerie dell’Accademia di Venezia, Venezia (VE)

● Iscrizione
Misura della Altezza della Porta inciso sulla zona posteriore

● Marmo
Roma (IT), Galleria Nazionale d’Arte Moderna

Media

Canova
2019, Magnitudo film