Fondazione trasparente

Fondazione trasparente

L’ENTE FONDAZIONE CANOVA ONLUS

Fondazione Canova onlus è l’ente che gestisce la Gypsotheca e Museo Antonio Canova di Possagno.

Fondazione Canova onlus è stata costituita con atto del notaio Imparato di Asolo – rep. nr. 11139 racc. n. 30346 del 5.12.2005, con inizio attività dall’1.1.2006. È un ente con personalità giuridica di diritto privato, riconosciuto con Decreto Regione Veneto ed iscritto in data 12.12.2005 all’anagrafe delle ONLUS (Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale) presso l’Agenzia delle Entrate-Direzione Regionale del Veneto.
Con l’atto di costituzione è stato approvato il nuovo Statuto che prevede, oltre alla regolamentazione della vita dell’ente, anche la gestione dei beni di proprietà del Comune con lo scopo di tutela, promozione e valorizzazione del “complesso Canoviano”, in particolare è stato conferito il mandato (artt.1704 e segg. Codice Civile) di:

A- conservare, valorizzare, restaurare, custodire e gestire:

  • Casa Canova con annesso fabbricato rustico della cucina, Archivio Storico, Biblioteca e Casa Marcioro;
  • Gypsotheca: Ala Lazzari e Ala Scarpa con annessa scuderia;
  • Ala Gemin;
  • Casa Rossa;
  • Giardino, Brolo e Parco Canoviano.

B- gestire, amministrare, valorizzare gli altri beni mobili, quali il Museo Canoviano, le raccolte d’arte conservate nel Complesso Canoviano, l’Archivio Storico e la Biblioteca.

Le Attività e il Consiglio
Un tempo, il Lascito aveva compiti sociali e assistenziali; oggi Fondazione Canova svolge prevalentemente attività culturali per conservare al meglio le opere di Antonio Canova (custodia, restauri, ecc.) e per sviluppare la memoria e la conoscenza dell’arte canoviana (mostre, convegni, guide, pubblicazioni, ecc.).

Il Consiglio di Amministrazione

Il Consiglio di Amministrazione nominato dal Sindaco di Possagno è così composto:
Franca COIN (Presidente)
Valerio FAVERO (sindaco di Possagno e Vice Presidente)
Silvia BASSO, Marcello CAVARZAN, Laura POLLINI, Gerardo SANTORO, Ivano ZORDAN (consiglieri).

Il personale dell’Ente

Segretario e Responsabile Amministrativo: Alberto SIGNOR
Direttore: Mario GUDERZO
Collaboratori: Maria BIZZOTTO, Giancarlo CUNIAL, Irene LONGO, Lino ZANESCO.

Atti e disposizioni generali

Statuto dell’ente (in vigore dal 2006): download | allegato A | allegato B
Atto costitutivo dell’ente: download
Decreto Regionale di riconoscimento personalità giuridica: download
Iscrizione registro ONLUS: download

Organi in carica e Organigramma 2017-2022:  download – download
Piano Triennale per la Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza 2018 – 2020: download
Codice Etico:
Decreto di nomina del RPC: download
Relazione annuale 2017 del Responsabile per la Prevenzione della Corruzione: download

In adempimento alla legge 124/2017, comma 125 e seguenti, vengono qui dichiarate sovvenzioni, contributi e incarichi retribuiti ricevuti da enti pubblici o società partecipate nel corso dell’esercizio 2017: scheda

Partners
Istituzionali

Regione del Veneto

Comune di Possagno

Venice International Foundation

Studi Professionali Integrati

Asolana Group

Comunicazioni di carattere contabile

L’art.3 del D.L. 16 ottobre 2017 n. 148 convertito dalla L. 4 dicembre 2017 n. 172 e pubblicato nella G. U. 5 dicembre 2017 n. 284 ha esteso l’ambito dell’applicazione del meccanismo di Scissione dei Pagamenti (Split Payment) tramite la modifica dell’art. 17-ter del D.P.R. 26 ottobre 1972 n. 633.
Poiché Fondazione Canova ONLUS rientra tra i soggetti per i quali si applica la nuova disposizione, a decorrere dal 01/01/2018 le fatture nei nostri confronti andranno emesse con l’applicazione dello Split Payment.
Per effetto di tale norma, l’Imposta sul Valore Aggiunto dovrà essere addebitata nella fattura indicando sulla stessa la dicitura “Operazione effettuata in regime di Scissione dei Pagamenti (Split Payment) ai sensi dell’art. 17-ter del D.P.R. 26 ottobre 1972 n. 633”; i corrispettivi saranno pagati al netto dell’Imposta sul Valore Aggiunto che sarà versata da Fondazione Canova ONLUS all’Erario in qualità di sostituto d’imposta.
Si ricorda infine, che lo Split Payment non si applica alle operazioni assoggettate al meccanismo di Inversione Contabile (Reverse Charge) e ai regimi speciali ai fini dell’Imposta sul Valore Aggiunto (contribuenti che applicano il Regime dei Minimi e il Regime Forfettario).

Informativa sullo split-payment: Comunicazione SPLIT PAYMENT – Fondazione Canova

BREVE STORIA

Il Museo è stato costruito tra il 1832 e il 1836 quando le opere di Antonio Canova (le sculture in gesso, in terracotta, in cera e in marmo, le tempere e gli oli su tela) furono trasportate dallo Studio di Roma a Possagno ed ospitate nella grande Gypsotheca che l’architetto Francesco Lazzari aveva appena terminato di costruire nel giardino di Casa Canova.

Provate ad immaginare il lungo convoglio di carri e di navi, cariche di gessi, marmi e dipinti, che mossero da Roma e arrivarono nel piccolo abitato di Possagno: fu un’avventura che, per l’epoca, per i mezzi di trasporto e per le vie di comunicazione, ebbe dell’incredibile! Regista di questa poderosa operazione museale fu il vescovo Giovanni Battista Sartori (1775-1858), fratellastro di Antonio Canova e suo erede universale. Per custodire e conservare gli stabili e le opere, il Sartori nominò un conservatore-custode del Museo (il primo fu lo scultore possagnese Tonin Pasino, a cui seguirono Stefano Serafin, Siro Serafin e Settimo Manera: tutti costoro abitarono in una parte della Casa del Canova).

Nel 1853 Sartori volle costituire il Lascito Fondazione Canova (IPAB), ente che ancora oggi gestisce e conserva tutti i beni storico-artistici lasciati dal Sartori stesso in eredità alla Comunità di Possagno. Il Lascito Fondazione Canova aveva un proprio Statuto che risale alla fine del XIX secolo e più volte rinnovato e integrato per adeguarsi alle leggi vigenti e alle esigenze sempre nuove della grande eredità canoviana.
Con decreto n. 230 del 29.2.2005 del Dirigente Regionale della Direzione Servizi Sociali il LASCITO FONDAZIONE CANOVA IPAB è stato estinto ed i beni in parte devoluti al Comune di Possagno (beni immobili e mobili di interesse storico-artistico) ed in parte alla nuova Fondazione Canova onlus (beni immobili e mobili patrimoniali di non interesse storico-artistico).

LA CONSULTA CANOVIANA

Prevista dallo Statuto comunale, all’art. 59, la Consulta Canoviana è costituita dal Comune di Possagno, da Opera Dotazione del Tempio e da Fondazione Canova onlus.

Essa si propone, seguendo l’apposito regolamento, di:

  1. realizzare quanto previsto dallo Statuto all’art. 1, comma 3, lettera c.
  2. fornire consulenza e coordinazione nella gestione dei beni canoviani, nello spirito dello storico testamento dell’abate vescovo Mons. Giovanni Battista Sartori del 28 febbraio 1858.
  3. coordinare le iniziative sociali e culturali relative alla figura e all’opera di Antonio Canova.

OPERA DOTAZIONE DEL TEMPIO CANOVIANO DI POSSAGNO

E’ l’ente preposto alla conservazione, custodia e valorizzazione del Tempio di Possagno.

Qui il sito ufficiale con le informazioni complete.